Cosa significa

Ecosostenibilità

Ecosostenibilità: come e perché preservare l’ambiente in cui viviamo

Negli ultimi anni il termine “ecosostenibilità” è sotto l’attenzione di tutti. Si sente parlare molto spesso di stili di vita sostenibili e di approcci ecologici a vari aspetti della nostra vita, ma cosa significa esattamente ecosostenibilità? Perché è importante e come incide sulla nostra quotidianità? Cosa significa ecosostenibilità Esistono diverse definizioni di ecosostenibilità. In sostanza il termine sostenibile indica qualcosa che permette all’uomo di continuare a vivere su questo pianeta. Il fulcro del tema, infatti, è il concetto di rinnovamento delle risorse: il mondo si trasforma in maniera ciclica, e abbiamo il compito di difendere questa sua proprietà per non alterare gli equilibri. Ecosostenibile, dunque, è tutto ciò che ci porta ad agire in modo che le generazioni future si trovino di fronte a un mondo che abbia una quantità di risorse pari a quella attuale. In altre parole, l’approccio ecosostenibile consente di consegnare a figli e nipoti un pianeta in salute.

Come adottare uno stile di vita sostenibile

Gli individui e gli stati più sensibili hanno cominciato da tempo ad andare verso uno sviluppo ecosostenibile, ma su questo pianeta siamo in tanti, e ogni  azione locale ha ripercussioni a livello globale. L’aria che respiriamo e l’acqua che beviamo non riconoscono i confini nazionali, quindi dobbiamo prendercene cura tutti.

Ciò che conta davvero, dunque, è fare qualcosa in pratica. Prendere coscienza del problema è già un primo passo, ma come si può agire nel concreto? Le opzioni, contrariamente a quanto si pensa, sono molte.

Abbigliamento sostenibile

L’abbigliamento ecosostenibile è un approccio al design che si fonda su etica e sostenibilità. La prima fa riferimento alle condizioni lavorative e al benessere dei lavoratori dell’azienda moda. La sostenibilità, invece, ha lo scopo di proteggere l’ambiente, attraverso l’uso di materiali dal basso impatto ambientale, sia in fase di produzione che di smaltimento. La moda etica è, a tutti gli effetti, in fase embrionale, ma la sua avanzata è confermata dalle scelte di alcuni grandi marche. Tuttavia il ricorso ai materiali ecologici è ancora minoritario e la totale conversione verso una moda ecosostenibile e green appare, ad oggi, un obiettivo distante. Seppure perseguibile a medio-lungo termine.

Differenze tra moda sostenibile e ecosostenibile

Molto spesso si tendono a confondere le definizioni di moda sostenibile ed ecosostenibile. La prima punta ad armonizzare il rapporto tra ambiente (moda ecosostenibile) e persone (moda etica). L’abbigliamento sostenibile è quello che rifiuta tutte le pratiche impattanti del settore tessile, come il ricorso a sostanze tossiche e non biodegradabili, che vanno ad accumularsi nelle acque reflue.

Moda sostenibile fa quindi necessariamente rima con moda etica e green. Pensata per avere un minore impatto sulla Terra, questa deve garantire l’assenza di prodotti chimici inquinanti nella fase di realizzazione e riconoscere premi alle aziende che operano la svolta ecologica. Acquistare consapevolmente (a costo di spendere qualche euro in più), incentivare la produzione locale e ridurre drasticamente l’inquinamento.

Cambiare le proprie abitudini di consumo, mai come in questo caso, può contribuire a salvare il pianeta o almeno a migliorarlo.